cinemainsieme

Rassegna
Le Realtà raccontata con la cinepresa

L’Arabia Saudita ha annunciato, recentemente, con un decreto del Re Salman che a partire da giugno le donne potranno mettersi al volante. Era l’unico Paese a proibirlo. È una grande vittoria per le saudite, che in una serie di proteste organizzate sin dagli anni Novanta sono scese in strada guidando, a volte con mariti e i figli al proprio fianco, facendosi riprendere per poi diffondere sul web i video di sfida. Per questo sono finite anche in carcere, sono state umiliate, hanno perso il lavoro: la più famosa, Manal El Sharif, alla fine ha lasciato il Paese. Aziza Alyousef, che ha partecipato a due di quelle proteste, si è detta grata nei confronti del Re ma «anche di tutte le donne che hanno lottato per i propri diritti». Appena si può chiederà la patente: «Voglio la numero 0001».Wadjda,la protagonista del film di oggi, non si vuole sottomettere alla chiusa mentalità del suo Paese, la bicicletta diventa il simbolo di ribellione.

Lo spettacolo avrà inizio alle ore 18.00.

Intervenite numerosi!